FILIPPO BERTOLI
da Super User
Visite: 100

Fratello di Gianni che si è dedicato ad un'altra passione diventando "chef°; ora gira il mondo con entusiasmo per il suo lavoro ed anche lui ci ricorda con affetto.








Ero o meglio eravamo dei bimbetti (io e mio fratello Gemello Gianni, adesso membro dello staff), quando siamo arrivati a Stava la prima volta. Niente Sport For Fun o meravigliose ballerine, era il "Give and Go" numero 8 e mai potrò scordarmi tutte le risate che Landenna e Gerry mi hanno fatto fare. Come scordarsi i piegamenti sulle braccia che Riccardo mi fece fare quell'estate o quando Dalla Vecchia mi disse che tiravo come un cane... ma sopratutto del primo camp mai potrò dimenticare, il 4vs4 stellare dove Dino, Ilaria, Riccardo e Barbara hanno umiliato per una settimana di fila 4 aitanti sestesi senza fargli vedere boccino (con Dino che ti diceva prima come ti avrebbe fatto canestro).

Ma una settimana passa veloce ed è già tempo dei saluti e dei: "all'anno prossimo". È stato in questa pausa che lo Staff ha il suo colpo di genio più importante: Mettiamo dentro il ballo e le ballerine. GRAZIE... di cuore, uno perché le serate prendevano un altro significato e la stanchezza degli allenamenti era accompagnata dalle interminabili prove di ballo (grazie per avermi sopportato durante le prove dei balletti) e perché… beh, a un ragazzetto di 14 anni fa piacere avere belle ragazze vicino così può fare il fico con il cappellino di traverso e gli occhiali arancioni…. (non fate domande). Ormai era Casa nostra, basket, ballo e montagna! Non ce n' era per nessuno, ti divertivi e basta e quel camp rimarrà per sempre perché è li che ho conosciuto persone meravigliose come Alba, Federico, Tommaso, Lorenza che tutt'oggi sono felice di chiamare amici.

Ma il tempo passa e noi si cresce, ma c'è ancora tempo per altri due camp... riassunti in una parola FIRENZE CONTRO VERONA, non era una rivalità, ma una goliardata per farsela prendere alla grande in tutto e al motto "se ce la fà lui che è di Verona io lo faccio meglio...".

Si certo, provalo a marcare Revello o Santi poi ne riparliamo. Anche se a calcetto si vinceva noi. Eravamo una famiglia di scoppiati per il basket e la danza e le musiche strappalacrime. Del camp ci ricordavano che eravamo dei bimbetti. Ma era il periodo più bello dell'anno.

Con tanto Love

Pippo